Agriturismo a Sortino prenota agriturismi e hotel online a Sortino in Sicilia - hotel nei pressi Siracusa, Agriturismo Sacre Pietre
 
agriturismo a pantalica il bed and breakfastsaperi e sapori di sicilia ristorante a sortino in provincia di siracusa
PREMESSA. Il presente lavoro vuole essere un agevole Supporto, che fornisca notizie e indicazioni essenziali per chi si appresta per la prima volta alla visita del sito di Pantalica. L'itinerario proposto è lungo circa km. 9, presenta un dislivello di m. 200, è percorribile nell'arco di una giornata ed è circolare, consentendo di ritornare al punto di partenza. Non presenta difficoltà di rilievo ed è stato collaudato più volte dai volontari del WWF locale che, fra i tanti gruppi accompagnati, lo hanno percorso insieme a Grazia Francescato, Presidente del WWF Italia.
PANTALICA. C'è un luogo che la natura, prima, e la storia, poi, hanno reso tra i più affascinanti della Sicilia: Pantalica. Lo custodisce un territorio che offre scenari, ora dolci e pianeggianti (altipiani), ora aspri e verticali (canyon), con grande varietà di ambienti - aridi tavolati calcarei, spettacolari resti di bocche vulcaniche, distese di colate laviche, valli umide verdeggianti: i monti lblei. Del territorio ibleo Pantalica rappresenta l'aspetto più caratteristico, il paesaggio delle "cave" nome con cui vengono chiamate qui le valli fluviali. Il nostro itinerario inizia laddove si interrompe la carrozzabile (lunga km 6), che da Sortino conduce a Pantalica. In alternativa, lo si può percorrere partendo dall'ingresso di contrada Fusco, dove si lascia l'auto. Da qui in pochi minuti si arriva presso la seconda galleria. Si svolta a destra, senza entrare nel tunnel, e, dopo una breve discesa, si guada il corso d'acqua. Seguendo una stradella in salita si perviene nel tratto finale della provinciale Sortino-Pantalica. Subito lo sguardo è attratto da un magnifico panorama: l'Anapo, sulla nostra sinistra, e il Bottiglieria (Calcinara), a destra, delimitano la collina di Pantalica e si incontrano ai nostri piedi. La natura è selvaggia e solenne. Si comincia a scendere per una vecchia mulattiera compresa fra due muretti, che segue le curve della valle: il mormorio del torrente sottostante accompagna i nostri passi. Dopo un centinaio di metri la nostra attenzione è attratta da un'enorme cavità naturale, che si erge dall'alveo del torrente: si tratta della Grotta dei pipistrelli, detta una volta della Meraviglia. Il nome deriva dalle numerose colonie di pipistrelli che vi trovano rifugio: qui e nella vicina valle dell'Anapo è stata segnalata gran parte delle specie presenti in Sicilia, tra cui la rara nottola gigante. Ci troviamo in un luogo che gode del dolce clima mediterraneo, ma che diviene afoso in estate nelle ore di maggiore calura. Qui prosperano l'ulivo e il mandorlo, mentre il carrubo, tipico di regioni molto calde, ci ricorda che il Nord-Africa non è poi cosi lontano. Lungo il cammino, possiamo scoprire i colori, gli odori, le forme della flora mediterranea: il lentisco e l'alaterno, arbusti sempreverdi, la ruta puzzolente, l'euforbia arborea dai colori mutevoli con le stagioni. Sulle rupi rivolte a Sud, su cui è scavata la mulattiera, crescono la bocca di leone siciliana, l'erica, il cappero, la putoria delle rocce (in Sicilia esclusiva degli ambienti rupestri iblei) e la valeriana rossa. Oltrepassata l'ansa del Bottiglieria, alla nostra destra, compaiono delle aperture dalla forma squadrata: sono le tombe a grotticella artificiale della necropoli.
LA SEPOLTURA. L'usanza delle popolazioni preistoriche della Sicilia di seppellire i defunti all'interno di grotticelle scavate nella roccia, risale agli inizi del III millennio a.C.. All'interno, uno o più defunti venivano posti rannicchiati in posizione fetale, insieme al corredo funebre. Questo era costituito da vasi di ceramica e da oggetti in bronzo (rasoi, fibule, coltelli e specchi}, usati dal defunto in vita. L'apertura della tomba era chiusa mediante pietre sovrapposte o con una lastra di calcare. Dopo pochi passi, un'ampia parete verticale con una grande concentrazione di loculi si impone dinanzi a noi: è la necropoli Nord.
LE NECROPOLI. Le 5000 tombe sparse lungo i fianchi della collina sono state raggruppate dagli archeologi in base alla posizione geografica, alla tipologia e alla supposta espansione cronologica in cinque complessi cosi definiti: Necropoli Nord-Ovest, Nord, Cavetta, Sud e Filiporto. La necropoli Nord, la più grande per numero di sepolcri (1500 ca.), è la più antica insieme a quella di Nord-Ovest; entrambe hanno dato il nome di Pantalica Nord al primo insediamento e alla cultura corrispondente che interessò gran parte della Sicilia orientale. E' da questo lato della collina, infatti che il grande archeologo P. Orsi estrasse, alla fine del secolo scorso, molti dei reperti che permisero di svelare il mistero di Pantalica. Tra questi compare per la prima volta la fibula in bronzo ad arco di violino e ad arco semplice. Tra le ceramiche spicca il vaso su alto piede, decorato con fitte scanalature e dipinto con colore rosso lucido. L 'insediamento di Pantalica risale al XIII sec. a.C. (tarda età del bronzo} e si protrae per cinque secoli fino all'VIII sec. a.C.. Mentre si scende l'ultima serie di scale, può accadere di vedere un gruppo di piccioni selvatici, che sfuggono forse al loro predatore, il falco pellegrino. Questo rapace, sebbene diffuso in tutto il mondo, è sempre più raro e la valle dell'Anapo costituisce un importante sito riproduttivo di questa specie. Un altro rapace, l'aquila del Bonelli, scomparsa come nidificante nell'area, può essere vista solo in occasione di qualche sua sortita da queste parti. Giunti presso il torrente, è possibile fare una deviazione per raggiungere le sorgenti del Bottiglieria. Si attraversa il torrente e si svolta a destra, dietro estese formazioni di rovi, camminando in direzione di una enorme caverna (Grotta del Bottiglieria) e in seguito guadando più volte il corso d'acqua. Superata l'ultima curva della valle, si prosegue tenendo il torrente sulla sinistra. Il magnifico bosco che si poteva attraversare, è stato distrutto da una malattia che colpisce il platano orientale, albero comune nelle "cave" (canyon) iblee. Qui non è raro vedere il più bel serpente italiano, il colubro leopardino, che presenta una colorazione grigia con macchie marroni. Dopo aver raggiunto le sorgenti, si ritorna sui nostri passi. Nel punto in cui il sentiero prosegue nel versante opposto della valle, notiamo le rovine di una costruzione sommersa dall'edera: è tutto quel che resta di un mulino per la produzione della polvere da sparo.
IL MULINO DELLA POLVERE DA SPARO. Il mulino era attivato dall'acqua di una condotta ricavata nella roccia. Gli elementi per la fabbricazione della polvere da sparo erano ricavati da materiali presenti nel luogo: la potassa dal legname bruciato, la calcite dalle umide pareti delle grotte e i nitrati dall'abbondante sterco (guano) dei pipistrelli. Nel comprensorio di Pantalica una volta erano presenti molti di questi mulini. La roccia è stata dappertutto scavata dalla natura, oltre che dall'uomo: essa si presenta bucherellata e solcata, per l'azione dell'acqua piovana, ma non mancano forme più vistose di erosione, come inghiottitoi, che mettono in comunicazione l'altopiano con le grotte site nei suoi fianchi, e rupi, che ricordano le sembianze di un animale o di un profilo umano. Mentre si sale, sono visibili dei grandi cameroni intagliati nella roccia: sono le abitazioni rupestri del villaggio bizantino del Crocifisso, che prende il nome dalla chiesetta rupestre situata più in alto.
L'ORATORIO BIZANTINO. Sottomesso al sentiero e chiuso da una grata, l'oratorio del Crocifisso conserva tracce di dipinti murali. Di fronte all'ingresso e riprodotta una crocifissione; accanto si intravede una figura femminile, la Vergine, dipinta in rosso. Queste testimonianze della cultura bizantina in Sicilia sono opera di gente di lingua greca e religione ortodossa, che si insediarono a Pantalica tra il IV e I'VIII sec. d.C.. Lasciato l'oratorio, ci veniamo a trovare nel punto in cui i due versanti della valle sono più vicini. Se si guarda bene, sul ciglio del burrone, si notano dei blocchi di pietra: sono i resti di un ponte che in epoca bizantina permetteva di scavalcare la valle. La mulattiera arriva, infine, nella strada che conduce a Ferla. Qui a sinistra, un sentiero in discesa ci permette di raggiungere la grotta, detta Trovata, una delle poche ad avere stalattiti. In una posizione da capogiro sulla valle dell'Anapo, questa grotta presenta un'apertura ridotta, in cui risulta malagevole entrare e che immette in un'ampia cavità, prolungantesi per 280 m in stretti corridoi. Ritornati sulla strada asfaltata, dopo pochi passi si arriva presso la necropoli Cavetta: oltrepassato un ponte, un sentiero a sinistra scende per ca. 300 metri fino a un belvedere. Da qui si può osservare meglio lo sviluppo di questa necropoli di ca. 350 tombe, in prevalenza a pianta ellittica (VIlI sec. a.C.). Lo specchio d'acqua che si ammira dall'alto appartiene all'Anapo, che subito dopo riceve le acque del Bottiglieria. Ritornati sul ponte, possiamo proseguire sulla strada, che dopo 1 km ci porta all'Anàktoron o Palazzo del Principe. Se si vuole, si può prendere a destra del ponte un sentiero poco visibile, che sale ripido fino a incrociare la strada: dopo alcune centinaia di metri, seguendo una sterrata alla nostra sinistra, si arriva all'Anàktoron.
L'ALTOPIANO. Ci troviamo sul pianoro della collina, che si presenta arido, soprattutto in estate. In passato ricoperto da boschi come gli altipiani circostanti e stato trasformato dall'uomo, con gli incendi e il pascolo degli animali in una prateria priva di alberi che si copre pian piano di cespugli. In taluni punti può affiorare la roccia sottostante, poiché la terra è stata trascinata via dalle piogge; tutto ciò rende questo luogo arido e poco produttivo. Il paragone che qualcuno ha fatto con l'Arizona non e poi così azzardato. Tanto più che pure la fauna si avvicina, in un certo senso, a quella di un deserto: abbondanti e vari sono i tenebrionidi insetti nerastri tipici di luoghi aridi e diffuso e il congilo, lucertola con zampe ridotte (limitata a Sicilia, Sardegna e Grecia), che ha tra i suoi cugini, tipici scavatori di ambienti deserci. Per il resto, una grande varietà di locuste, di farfalle (macaone, podalirio, diverse cavolaie, cleopatra, megera, cecilia, vanessa del cardo ecc.), uccelli come il passero solitario e il saltimpalo, roditori (topi e istrici), rettili (tra cui il biacco, innocuo serpente nero) e conigli vivono in questo ambiente.
L'ANÀKTORON E IL CENTRO ABITATO. Mentre tutto intorno ci parla della morte, qui troviamo delle tracce della vita dell'insediamento. Dei blocchi megalitici sono quello che resta di una costruzione a pianta rettangolare, divisa in otto vani regolari Il tipo di roccia che costituisce i blocchi è un calcare conchiglifero, più duro di quello presente sul posto e fu prelevato a qualche chilometro di distanza. La costruzione dell'edificio, che ricalca schemi tipici dei palazzi micenei si fa risalire alla prima fase di Pantalica, cioè al periodo 1270-1000 a.C.. Il ritrovamento, all'interno del vano maggiore, di ceneri abbondanti di pezzi di bronzo e di fuseruole per la fusione del metallo, fece dedurre all'Orsi che qui fosse un'officina per la fabbricazione di armi e altri oggetti di bronzo e che il Principe o Signore del luogo ne controllasse l'attività. La presenza di alcune piante dell'Europa orientale (spinaporci, salvione, salvia fruticosa), che crescono nei pressi dell'edificio, accresce la somiglianza di queste rovine con quelle di Delfi o Micene, in Grecia. Del centro abitato preistorico, fatto, si presume, di capanne sostenute da pali di legno e situato sul pianoro, non fu trovata traccia. I suoi abitanti vivevano di agricoltura, pastorizia e sfruttamento dei boschi. Non mancavano artigiani esperti nella lavorazione della ceramica al tornio e dei metalli. La comunità doveva essere retta da un sovrano, che una recente ipotesi identifica con il mitico re dei Siculi, Hyblon, ricordato dalle fonti storiche come colui che concesse ai Greci di Megara di fondare una colonia (Megara hyblea) nel suo territorio. Questo si estendeva da monte Lauro fino al mare e ci piace immaginare le popolazioni indigene, esperte nel ricavare oggetti corde, contenitori e medicine dai vegetali nel produrre ottimo miele e nel cacciare la grossa selvaggina dei boschi mentre portano al pascolo le greggi o si riuniscono sotto un grande albero, venerato come una divinità. L'arrivo dei Greci di Corinto e la fondazione di Siracusa nel 730 a.C. segnarono l'inizio del declino di questo regno. L'itinerario prosegue a sud dell'Anàktoron, per un sentiero in discesa: la prima diramazione sulla sinistra ci conduce al villaggio bizantino detto di S. Nicolicchio.
S. NICOLICCHIO. È il più piccolo dei villaggi bizantini di Pantalica; è esposto a Mezzogiorno e comprende alcune abitazioni ricavate nella roccia allargando le preesistenti tombe preistoriche. Una ringhiera in ferro ci permette di trovare l'oratorio di S. Nicolicchio, nascosto da una balza rocciosa, che si affaccia sulla valle dell'Anapo. Le figure che si intravedono al suo interno rappresentano due santi: S. Elena, che regge con la mano destra una croce gialla a contorno nero, e S. Stefano, meno visibile. Da qui è possibile scendere all'Anapo, in 15 minuti ca., per un ripido sentiero (spesso non visibile), che inizia dove c'è un grosso macigno bucato da una tomba a grotticella e tagliato in due parti. Se si ha voglia ed energia, si può, invece, risalire al bivio precedente e svoltare a sinistra, per visitare il villaggio bizantino di S. Micidiario e la necropoli di Filiporto. Il sentiero prosegue a mezzacosta sul versante meridionale della collina, offrendo ampie panoramiche sulla valle dell'Anapo, che ripagano della fatica del cammino. Prima di raggiungere l'ultimo dei villaggi bizantini di Pantalica, si nota sulla sinistra un sentiero che scende a valle: è quello che faremo dopo la visita al villaggio.
S. MICIDIARIO. Ubicato nel lato Sud-Ovest di Pantalica, a strapiombo sulla valle sottostante, è il più grande dei quattro nuclei abitativi ed è composto da 150 abitazioni, cameroni scavati nella roccia, più un oratorio detto di S. Micidiario. La chiesetta rupestre, chiusa da una grata, ricalca lo schema delle basiliche bizantine: infatti si può notare la volta simile a un tetto a due spioventi le tre nicchie frontali suggerite dalla pianta triabsidata delle basiliche e il presbiterio (spazio riservato ai sacerdoti), costituito da un piano rialzato. Accanto all'oratorio si aprono altri due vani che erano abitati da coloro che celebravano il rito religioso. Più ad 0vest, su un anfiteatro naturale scavato dall'Anapo, si trovano le 500 tombe della necropoli di Filiporto, appartenenti all'ultima fase della vita di Pantalica. Sopra la necropoli, l'altura di Pantalica si collega agli altipiani vicini con una striscia di terra, la sella di Filiporto, dove passava l'unica via agevole per entrare nel centro abitato. Qui in periodo greco fu scavato un fossato, ancora visibile, per impedire l'accesso a Pantalica .
Il vallone che delimita la sella a Nord è ricoperto da una fitta vegetazione: in basso, si estende un bosco di leccio, distinguibile per il colore verde scuro, mentre più in alto è visibile il rimboschimento di pini (di un verde più chiaro) di contrada Giarranauti. Terminata la visita alla necropoli, torniamo indietro fino al sentiero oltrepassato in precedenza, che scende nel fondovalle. Percorrendo questo sentiero, penetriamo nel cuore di questo luogo, che è un esempio significativo del primitivo ed autentico volto dei monti lblei, l'acrocoro roccioso circondato da due mari e posto al centro del Mediterraneo. Ne intuiamo l'essenza attraverso il paesaggio: pareti a picco e contrafforti, attorno a cui serpeggia il corso d'acqua, spuntoni di roccia e cime tondeggianti, forre impenetrabili. Possiamo carpirne i segreti osservando la vegetazione; euforbia arborea, oleastro e carrubo, qui lontani dalla costa, diventano gli artefici di macchie dell'interno e di boschi collinari; alaterno e lentisco, di solito piccoli arbusti, qui raggiungono ragguardevoli dimensioni; il rosmarino dall'odore gradevole cresce accanto alla ruta nauseabonda; cespugli di erica e salvione interrompono chiazze di prateria, dove allignano il barboncino (graminacea mediterranea), l'asfodelo e la scilla marittima. Intanto senza accorgerci siamo arrivati nel fondovalle.
LA VALLE DELL'ANAPO. Questa valle si presenta come un canyon dall'andamento sinuoso, a tratti stretto e a tratti ampio, tipico di altipiani emersi dal mare. Una sterrata, l'ex-ferrovia Siracusa - Ragusa - Vizzini permette di percorrerla agevolmente. Il tratto compreso tra Sortino (località Fusco) e Cassaro (località Mascà) è gestito dall'Ispettorato Ripart. delle Foreste di Siracusa, in quanto riserva naturale regionale. La varietà di ambienti ivi presenti ne fa uno dei luoghi più ricchi di fauna e di flora della Sicilia meridionale. E innanzitutto un ambiente umido, dove svernano beccacce e porciglioni E una valle abbastanza integra, dove il fiume offre cibo e rifugio al martin pescatore e al merlo acquaiolo, e dove il bosco di platani delle rive ospita il rigogolo e il codibugnolo di Sicilia (tutti uccelli rarissimi nell'isola); altri animali si rinvengono nel bosco di leccio: il pettirosso, il colombaccio, la farfalla egeria, che ricerca luoghi freschi e ombrosi l'allocco, un predatore notturno non comune. È poi un luogo impervio, in alcuni siti ancora selvaggio, in cui sopravvivono la coturnice sicula, la vipera, più rara di quanto non si creda, la martora, un carnivoro che qui non disdegna di saccheggiare il miele delle arnie di ferula, mentre altre specie (capovaccaio e nibbio reale) sono scomparse da pochi anni. Rimane invece avvolta nel mistero la presenza del gatto selvatico e del gufo reale. Sono presenti pure la lucertola siciliana, il toporagno e l'arvicola di Sicilia, animali esclusivi dell'isola e abbastanza comuni. Le differenze di clima tra i due versanti della valle, le vicende geo-climatiche del passato e l'intervento dell'uomo hanno determinato una vegetazione variegata. Nei cespuglieti troviamo, accanto a specie comuni piante rare: l'ofride di Bianca (una graziosa orchidea), l'elicriso ibleo, entrambi esclusivi dei monti lblei la ferula nodosa (è presente in Grecia e in ltalia solo sugli lblei). Interessante è la vegetazione delle rocce che comprende piante presenti solo sugli lblei (il trachelio lanceolato), esclusive della Sicilia (perlina di Boccone) oppure limitate a pochi territori del Mediterraneo (bocca di leone siciliana, garofano rupicolo, silene fruticosa, costolina levigata). Oltre alle specie mediterranee, nei tratti più freschi e umidi della valle vivono piante che troviamo sulle alte montagne siciliane. L'erba fragolina, la mercorella bastarda, l'euforbia delle faggete, la felce scolopendria comune e l'orchidea elleborine creano un sottobosco tipico dei boschi montani; l'angelica selvatica nelle sponde ricche di muschi, la fusaggine e il carpino, nel fragore di piccole cascate d'acqua, danno vita a uno scenario appenninico, davvero unico in tutto il comprensorio. Arrivati a valle, ci incamminiamo sulla sterrata verso ovest (a destra). Poco dopo il ponte, una stradella scende al fiume, dove è possibile fare una sosta e rifornirsi d'acqua in una piccola sorgente a Nord del ponte e a pochi passi da esso . Questa è una delle tante sorgenti che alimentano l'Anapo lungo il suo corso. Esso nasce nel versante meridionale di monte Lauro, dove scorre in una valle ampia e poco profonda; nella parte mediana (in cui ci troviamo), compresa tra Cassaro e Sortino, scorre incassato fra ripide pareti verticali; nel tratto finale, dove scompare sottoterra, attraversa la pianura di Floridia e, dopo aver percorso in tutto 52 km, sfocia nel porto grande di Siracusa. L'itinerario prosegue sulla sterrata nel senso della corrente (verso est). Dopo ca. 800 m si nota, alla nostra destra, una stretta gola confluente nell'Anapo; un sentiero più avanti ci conduce all'interno della gola presso la fonte del Giglio, dove è possibile vedere una pianta di epoche remote, presente solo sui monti lblei: l'ortica rupestre. Ripreso il percorso principale, si perviene all'edificio ristrutturato della ex-stazione di Pantalica, oggi adibita a museo; sulla parete rocciosa, alle spalle del caseggiato, è tracciata una piantina delle antichità di Pantalica, risalente agli anni '30. Subito dopo la strada si divide; seguendo il ramo di destra, se si guarda con attenzione a sinistra, ai piedi della parete di roccia si intravede un apiario rustico, incassato nella roccia e provvisto di una tettoia.
IL MIELE IBLEO. Si tratta di un'antica postazione di arnie, utilizzata da molte generazioni. Qui a volte è possibile vedere ancora un apicoltore locale, che ripetendo gesti antichi alleva le api in arnie costruite con la ferula, secondo metodi che si fanno risalire ai Siculi. Del miele di timo dei monti lblei infatti parlano gli antichi poeti Teocrito, Ovidio, Virgilio, i quali elogiarono le sue ottime qualità. La sterrata scavalca il fiume con una passerella, offrendo magnifici scorci sul corso d'acqua. Lungo il percorso possiamo scorgere trote e tinche abbondanti, che in inverno forniscono cibo a qualche coppia di airone cenerino svernante; rane e rospi, comuni nei luoghi umidi: il raro discoglosso dipinto, una rana marrone con chiazze più scure, presente solo in Sicilia e nella penisola iberica: raganelle, che si arrampicano sulla vegetazione, e una moltitudine di variopinte libellule. Accostandosi alla riva, se si è fortunati, si può incontrare la sfuggente gallinella d'acqua, che al nostro minimo rumore emette un verso di allarme, simile a un trombettio. Prima di attraversare la seconda passerella, presso un tavolo di pietra all'ombra di un noce secolare, volgendo lo sguardo in alto a sinistra, si può ammirare la parte centrale della necropoli Sud, risalente al IX-VIII sec. a.C. . Proseguendo, in prossimità della terza galleria, alla destra dell'Anapo, si nota, su un pendio rivolto a Nord, un giovane boschetto di leccio, una quercia sempreverde, che qui si associa con frassini, carpini neri e biancospini. Il sottobosco in primavera è caratterizzato dalla fioritura del doronico orientale, una composita che nel resto della Sicilia si trova in montagna. Anche luì piccoli e pettirossi qui nidificano a quote eccezionalmente basse. 0ltrepassata la galleria e il ponte successivo, la sterrata è ora alla destra dell'Anapo. Lungo la strada notiamo il terebinto, arbusto caducifoglio su cui viene innestato il pistacchio, il frassino da manna (orniello), i cui fiori bianchi emanano un odore inebriante in primavera, il nocciolo, qui non spontaneo, ma introdotto dall'uomo. In prossimità della galleria seguente, lunga 200 m, si prende il sentiero a sinistra, intagliato nella roccia e passante sopra un laghetto. Si percorre così uno dei tratti più suggestivi della valle, che permette di vedere la confluenza del Bottiglieria (Calcinara) con l'Anapo. Lungo il Bottiglieria, circa 100 m a monte della confluenza, vi è la presa d'acqua di un acquedotto di epoca greca.
L' ACQUEDOTTO. Questo antico canale fu costruito da Gelone, tiranno di Siracusa, nel 480 a.C. , impiegando i prigionieri cartaginesi che aveva catturato nella battaglia di Imera. Esso portava le fresche acque del Bottiglieria fino a Siracusa, dopo un percorso di 30 km e fu distrutto dagli Ateniesi durante l'assedio di Siracusa. Il tratto iniziale, ricavato interamente nella roccia, si è conservato fino ad oggi mentre il resto fu ricostruito dai Gaetani, marchesi di Sortino, nel XVI sec. e ancora oggi è funzionante. Sulla parete rocciosa a sinistra dell' Anapo, a valle rispetto alla confluenza, sono visibili delle aperture squadrate, che si susseguono a intervalli regolari: sono le prese d'aria dell'acquedotto, che facilitano il deflusso dell'acqua e permettono la periodica manutenzione, occorrente per asportare i sedimenti di calcare. Il percorso continua a livello del fiume, che qui si incunea in una stretta gola, caratterizzata da laghetti e spiaggette di incomparabile bellezza. Più avanti, dove il sentiero si immette in una strada in salita, si guada l'Anapo. Si segue quindi una carrozzabile abbandonata, che ci porterà, dopo 20-25 minuti di salita, fino alla strada Sortino-Pantalica, dove abbiamo incominciato l'itinerario.

"Sacre Pietre"
l'agriturismo per
conoscere la tradizione di
Siracusa e della Sicilia

Itinerari turistici e gastronomici nella valle del fiume Anapo tra le pietre di
pantalica

a sortino itinerari naturalistici

Agriturismo “Sacre Pietre” - Azienda agricola "MARCHESINO" C.da Fusco - Piano di Senna - Chianazzo 96010 - Sortino (SR)
0931 95 98 49339 4476996Facebookinfo@sacrepietre.it